Natale della Patria con la nostra Filarmonica

Il ricco programma di eventi durante l'intera giornata di martedì 1° agosto ha visto susseguirsi in quel di Lugano e dintorni diversi concerti, banchetti enogastronomici, cortei, discorsi ufficiali e gli spettacolari fuochi d'artificio.

Al mattino le autorità municipali hanno raggiunto piazza Indipendenza scortati dal Corpo dei Volontari Luganesi. Questi ultimi hanno sfoggiato il nuovo vessillo inaugurato lo scorso 13 giugno nel cortile di palazzo Civico. All'obelisco dell'Indipendenza, monumento innalzato nel 1743 e divenuto nel tempo simbolo patriottico, è stata posata la corona di alloro quale omaggio alla storia luganese e ai caduti, a seguire i consueti spari a salve con le carabine. Come da tradizione era presente pure il Maestro Mauro Ghisletta in compagnia dei suoi validi musicisti: la Filarmonica di Castagnola ha sottolineato questo rituale con la marcia General Grant, il Silenzio e il Salmo svizzero. Quest'anno l'inno è stato interpretato non solo dagli strumenti a fiato della banda, ma anche dal tenore bellinzonese Mauro Bonomi.

Il caldo suono dei corni delle alpi ha poi richiamato nel Patio del Municipio un numeroso pubblico rappresentante ogni continente. La Filarmonica di Castagnola ha offerto agli ascoltatori una proposta musicale spigliata e accattivante che ha riscosso scroscianti applausi e consensi. A metà concerto è intervenuto nuovamente il tenore Bonomi che, accompagnato dalla banda, ha cantato con passione La donna è mobile di Verdi e Nessun dorma di Puccini facendo vibrare il cuore dei presenti e dei musicisti stessi. Il concerto si è concluso sulle note dell'inno nazionale.

In serata, autorità e associazioni cittadine si sono riunite in centro per il tradizionale corteo. I musicisti delle Filarmoniche di Pregassona e di Castagnola si sono mescolati: è da parecchi anni che vige una salda collaborazione tra le due società che, per l'occasione, si uniscono e sfilano insieme: l'unione fa la forza! I due Maestri si alternano ogni anno la direzione e quest'anno toccava al Mo. Davide Miniscalco, che ringraziamo. La festante processione ha percorso via Nassa e proseguito per Piazza Battaglini, Riva Vela, rivetta Tell, via Canova, piazza Manzoni per raggiungere piazza Riforma dove la presidente della confederazione Doris Leuthard ha tenuto il discorso ufficiale dal balcone del Municipio.

La giornata di festa si è conclusa sulle rive del Ceresio con l'immancabile spettacolo pirotecnico che ha fatto restare per una buona mezz'ora grandi e piccini col naso all'insù, catturati da botti e colori che hanno illuminato la nostra bella città!